venerdì 24 giugno 2016

L' omertà

L'omertà della gente la crea lo Stato assente.

Quello stesso Stato che non sa distinguere i delinquenti da chi si permette venga trasformato in tale.

Quello Stato che permette che esistano informative delle Forze dell' Ordine non vere. Ce ne sono ragazzi, e ce ne sono tante.

Pochi giorni fa ho chiesto a dei legali penali se hanno ravvisato questo fatto.
Tutti mi hanno detto di si. Ho chiesto se conoscono il motivo. Mi è stato detto che sono
fascicoli interni e le in teoria le informative dovrebbero rispondere al vero, ma poi di fatto ci scrivono qualsiasi cosa.

Ok.
Per me è assurdo.
Non si può per legge divulgate false informazioni, per cui come può la legge non prendere atto che ci siano se sono errate?

Si sono sbagliati? Correggano, oppure inizino a pagare i danni alle persone che infamano, seppure attraverso documenti interni che diventano pubblici quando il procedimento passa in giudicato e dentro ci trovi quelle informative false.

Quando parlo di false intendo proprio false, supportate dal nulla, non solo quelle che appioppano lasciandole come fossero accuse dopo le assoluzioni passate in giudicato, ma intendo proprio altre, inventate di sana-pianta.

Si, mi rispondono i legali a cui ho posto la domanda. Dovrebbero non esserci, ma ci sono.
Queste informative non trovano infatti alcun riscontro nelle condanne. E fin qui ci siamo. Perché allora i reati di cui si viene assolti continuano ad essere riportati in codeste informative come fossero condanne? lasciano nei giudicanti, in ogni caso, il dubbio.
E perché sputano cose mai esistite? Perché il soggetto colpito deve stare zitto e subire di tutto? perché? Perché la giustizia Italiana non corregge questi errori?

In alcuni casi la giustizia perseguita alcuni creando circostanze, delle più disparate, e restituendo invece alle strade chi è recidivo, recidivo, più che recidivo sullo spaccio di droga.

Ne vedo da anni di continuo, sono sempre gli stessi. Per anni intendo circa una ventina di anni, non uno.

Li trovavo nei bar, laddove vi erano i loro amici, negli orari di loro necessarie indispensabili esigenze di vita, e feci un pezzo sul mio blog, "i domiciliari hanno il raggio fino ai bar?".

Ma ciò che negli anni ho visto era anche peggio.

Eppure tempo fa un poliziotto disse a chi invece si comportava bene che tanti problemi nessun altro gliene aveva dati.

I miei cazzi!
Nessun altro di quelli che io vedevo in giro da arrestati, liberi come il sole?
In fondo, si, quelli arrestati che spacciano sono bravi ai domiciliari, chi invece esce per recarsi al sert per accertare che nulla ha a che vedere con quanto gli hanno imputato e va all' UEPE perché imposto dal tribunale, quello si, fa rodere il culo, perché esce troppo.
Quando la logica fa acqua.

La differenza è che uno esce per imposizioni del Tribunale, per cui rispetta la legge, mentre altri nelle loro indispensabili esigenze di vita, frequentano magari posti in cui prescrizioni dicono non debbano stare.
Questa parte è sviscerata nel libro.

Sono passati tanti anni da quando era così ed oggi è ancora peggio.

Quando mi domandavo perché non venivano presi tutti quei pusher, o presi una tantum, restando inalterato l' operato, leggevo poi un articolo in cui chi doveva monitorare, riforniva e per questo nel 2013 venivano arrestati, capivo tante ma tante cose.

Querele verso persone di un certo ambiente che svaniscono. Sapremo presto che fine hanno fatto e perché tanto tempo (più di 3 anni) per aprire fascicolo. Non compare nel 335 per cui non è ancora stato aperto, in oltre 3 anni.

Gente che prima parlava, non parla più. Già, in fondo non è neppure il loro lavoro.

C'è un problema molto profondo che permette a "Scampia" di farsi largo ed avanzare.

Il problema non è la gente ma chi la AFFAMA e chi non è in grado di far funzionare la giustizia. Una giustizia che spesso spaventa.

Una giustizia che è più le volte che commette gravi errori giudiziari e invece di scusarsi persiste, che quella in cui da benefici a chi "inquina le zone" e continua ad inquinarle.

A qualcuno converrà. Diversamente non si spiega.

Ovviamente se continua ad essere cosi il futuro di tanti, me compresa, non può che essere in un paese più corretto e meno corrotto.

Il continuo rinviare, prendere tempo, riforme peggiorative, non è soluzione in linea con il veloce crescere del degrado e dell' illecito.

La strafottenza che spesso utilizza la "legge" è pari a ciò che abbiamo visto crescere nel Pddi, tanto che non sfugge il crescente utilizzo di offese da parte di alcuni deputati pddini verso i cittadini sui social. Purtroppo quando qualcuno si sente al di sopra di altri e nessuno osa rimettere nelle giuste caselle le situazioni, la gente subisce. Poi arriva il Voto e ti spazza via. A tutto c'è un limite.Speriamo ci sia uno strumento simile anche per combattere una strana giustizia, quella italiana.

Nessun commento: