martedì 14 giugno 2016

Lo stupore di alcuni sulla non applicazione dell' art 416bis

Il 416 bis del codice penale è
 l' associazione di tipo mafiosa.

Ho deciso di scrivere la mia riflessione prendendo spunto da quanto a Roma, da oramai diverso tempo, si stava dicendo :
"c'è la mafia a Roma" "son mafiosi"
ecc ecc
e quando replichi che secondo te (me) si tratta di criminalità più meno grave si veniva tacciati per mafiosi.

Alla luce di questa considerazioni ed avendo assistito alla scarsa preparazione su un tema tanto delicato da parte di persone che dovrebbero essere più razionali, obiettive enon offendere chi la pensa diversamente da loro, che ho deciso di scrivere la mia interpretazione del 416 bis.

Allora, tento di spiegare il mio parere sul tema in modo semplicistico:

La mafia è innanzitutto un' organizzazione criminale che si differenzia dalle altre forme criminali per la sua composizione piramidale, verticistica.

Molti confondono la mafia con le normali formd di criminalita' perché in realtà la sua base può sembrare come le altre forme criminali, ma cosi non è.

Faccio un esempio che rende meglio il mio concetto:

La mafia ha una struttura piramidale (quindi dal "capo" scende verso la base, senza dimenticare la forma parentale). Prima di arrivare alla base, quindi, ci sono una serie di figure, come detto piramidali.

La base è l' ultimo anello formato dai vari mandamenti locali o territoriali.
Di solito formate da "famiglie" (nel vero senso del termine).

È questa parte finale la più conosciuta.
La base. (Non la forma verticistica).
Sempre secondo la mia personale analisi, questa può essere confusa con le altre forme di criminalità, come ad esempio
la "camorra" che ha una gestione a ventaglio
oppure
la "banda della magliana" o delinquenti normali associati in bande o clan, che agiscono attraverso la cosiddetta forma a raggio.

Si differenzia, ad esempio, la banda della magliana dalla camorra (più simile come forma rispetto al tipo mafioso) per il metodo.

La forma utilizzata dalla camorra, correggetemi se così non fosse, ha caratteristica gestionale a ventaglio, per cui copre in modo criminale un intero territorio, esteso.

I clan, le bande, sono quelle che leggiamo nelle borgate quasi a scadenza quotidiana, e sono coloro, che, si attraverso l' uso della violenza, armi, sparatorie e compagnia viaggiante, sono aditi ad azioni criminali con la differenza che viene operata a libello locale, a raggio non esteso.

 La classica banda che vende droga in un lotto e a cento metri ce ne sta un altra. Non vanno in collisione se agiscono su "pratiche" diverse, droghe diverse, vanno in scontro quando hanno i medesimi interessi, vengono la stessa droga, ecc o si occupano il territorio, oppure uno che vende per loro, lo trovano a vendere anche per una banda rivale, ecc.

Roma ha, secondo il mio parere, la forma delinquenziale dei "clan" con qualche inserimento proveniente dagli ambienti ove predomina la camorra, ma non ne ha la forma.

Questo a mio avviso il motivo per cui il 416 bis non è applicabile e il motivo per cui la Cassazione non l' ha applicata neppure alla banda della magliana, la quale non aveva alcuna forma piramidale essendo formata da un apparente unione (un accordo) di più bande di Roma.

Altro piccolo dettaglio ma molto importante che fa si che la struttura piramidale della mafia non sia riportata da chi ci racconta un diverso modo di criminalità (quello prettamente da base, da clan, da banda) e forse proprio questo fa cadere in errore molte persone, è che nella forma piramidale, non si conoscono fra di loro
ne con foto, ne con anelli, ne con simboli, ecc il tutto per evitare che il fenomeno del pentitismo possa intaccare la struttura. Chiaramente intendo i vari livelli non si conoscono tutti. Non si spiegherebbe altrimenti.

E mi fermo qui altrimenti scrivo un poema. :-)



Nessun commento: