martedì 15 novembre 2016

Nuovo blitz a Tor Bella Monaca

All'alba di questa mattina, un nuovo importante blitz quello avvenuto in Via Giovanni Battista Scozza, sono 26 gli arresti eseguiti dagli agenti, di cui 16 arresti in carcere e 10 ai domiciliari.
Era proprio adiacente a questa via che circa 2 anni fa veniva ucciso un ragazzo di 17 anni al quale qualcuno aveva sparato alla testa mentre attraversava la strada
quella subito appresso a Via di Villabate, a pochi metri dall'inizio di Via Giovanni Battista Scozza. Non si sa se il ragazzo si stava dirigendo verso questa strada perché fu freddato prima.

Gli arresti in questi mesi sono stati tantissimi, se le attività illecite siano collegate tra i vari gruppi non è dato sapere, si sa però che le piazze sono tantissime, si distanziano di veramente pochi metri. Le strade del circondario sono praticamente da decenni blindate da queste persone. In teoria in ogni palazzo potrebbe esserci un gruppo autonomo ma dipendente da altri più grandi.

Di fatto, dalla lettura generale della cronaca, vi erano diversi punti in cui veniva detenuta la sostanza e le armi. Ho letto in rete un commento a cui avrei voluto replicare ma era inaccessibile, si poteva solo leggere. Un tale che scrive "dategli lavoro e vedrete che non delinquono"

Non è così. Molte di quelle persone avevano la possibilità di lavorare regolarmente, evidentemente il lavoro "normale" non gli permetteva il livello di denaro che facevano con le attività illecite.
Sono scelte culturali. Non è tanto il date lavoro a limitare la delinquenza, vero che in parte lo è, ma è il problema culturale, il contesto in cui si cresce a stabilire i valori che una persona si forma.

Con il crescere ci sono due strade:
O si ravvedono;
O continuano a delinquere.

Le possibilità di ravvedimento vanno date. Chiaramente se persistono nel cercare sempre la "via breve" ed illecita il ravvedimento non sussiste.

Ad oggi sono 4 i blitz più importanti eseguiti in pochi metri uno dall'altro in 5 mesi.
Posso dire che la strada intrapresa è quella giusta e ci si augura non si ceda. Non dare la possibilità di riorganizzare piazze; monitorare quelli rimasti in circolazione e quelli che eventualmente usciranno dal carcere. Non è infatti nuova la vicenda in cui proprio in questi recenti arresti alcuni erano appena usciti dal carcere per tornare a spacciare.

Nessun commento: