venerdì 9 dicembre 2016

Il presidente della repubblica mattarella dice che italicum non va bene per cui....

#Mattarella è stato eletto nel Gennaio 2015.

L'#Italicum è stato approvato nel Maggio 2015.

Qualcuno mi spiega perché il giurista Sergio Mattarella non ha spiegato al Presidente Sergio Mattarella che stava firmando una legge elettorale che, come dice oggi l'inquilino del Quirinale, impediva e impedisce al Paese di andare alle urne con un vulnus importante alla Sovranità del Popolo italiano ed ai poteri del Colle, visto che il giudice costituzionale Sergio Mattarella sosteneva,
con i suoi colleghi, nella sentenza sul "Porcellum" che "Le leggi elettorali sono, infatti, “costituzionalmente necessarie”, in quanto «indispensabili per assicurare il funzionamento e la continuità degli organi costituzionali» (sentenza n. 13 del 2012; analogamente, sentenze n. 15 e n. 16 del 2008, n. 13 del 1999, n. 26 del 1997, n. 5 del 1995, n. 32 del 1993, n. 47 del 1991, n. 29 del 1987), dovendosi inoltre scongiurare l’eventualità di «paralizzare il potere di scioglimento del Presidente della Repubblica previsto dall’art. 88 Cost.» (sentenza n. 13 del 2012)."?

Secondo voi, oltre a #Renzi che è il colpevole principale di questa farsa, chi ha danneggiato l'Italia togliendole il diritto di andare al voto?

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella firmando una legge elettorale inapplicabile (contraddicendo norme e orientamenti citati nella pronuncia che ha collaborato a scrivere) o il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che oggi sostiene che non si può andare al voto con una legge che lui stesso ha firmato ritenendola idonea a "scongiurare - come diceva il Giudice Costituzionale Sergio Mattarella - l’eventualità di «paralizzare il potere di scioglimento del Presidente della Repubblica previsto dall’art. 88 Cost.»"?
Antonio Triolo

Nessun commento: