mercoledì 28 dicembre 2016

Minacce di morte continuano; un plauso ai Carabinieri efficienti e meravigliosi mentre purtroppo la Procura di Roma continua ad essere lenta

Oggi 27/12/2016 sono accaduti due fatti:
Stasera un tizio ha tentato di fare irruzione verso le ore 21 dentro la casa in cui sono direttrice, fino ad infilarsi nelle scale condominiali.
I Carabinieri sono stati eccellenti, arrivati velocissimi e li ringrazio di cuore.

Venivo chiamata da una vicina e venivano chiamati i carabinieri. Arrivata sul posto vengo a sapere che la persona che aveva tentato l'irruzione aveva vistosamente bevuto e che al nostro arrivo era andato via. Mi raccontano i vicini ciò che urlava.

Si verrà a sapere che si è presentato dopo aver ricevuto la chiamata di una signora che vive in via San Biagio Platani e che gli avrebbe riferito delle cose su me.
Questa signora già nota per amare il pettegolezzo avrebbe "caricato" telefonicamente questo soggetto che ha già precedenti episodi violenti.
La signora, consapevole di poter arrecare danno a terzi, ha compiuto tale telefonata all'uomo (ravvisabile da tabulato telefonico) per caricarlo ad inveire verso la mia persona, diversi i testimoni dell'accaduto prima del mio arrivo.
Il motivo pare sia "non devi magnare do magno io".

Pochi minuti fa mi squilla il telefono, verso mezzanotte, numero che non conosco, non rispondo. Arriva subito appresso un sms che pubblico in chiaro di lato al blog, con dicitura minacce.... , chiaramente sarà un integrazione a 4 querele già presentate oltre un anno fa.
Dal numero l'autorità potrà risalire all'autore e verificare se è lo stesso soggetto da me già querelato 4 volte e attualmente in libertà, senza alcun giudizio.
Poi spiegherà a chi apre.

Nessun commento: