martedì 17 gennaio 2017

Condannato all'ergastolo sconta 22 anni in carcere, era innocente.

Condannato all’ergastolo con l’accusa di aver ucciso 2 carabinieri nella caserma di Alcamo, dopo 9 processi e 22 anni di carcere Giuseppe Gulotta è stato assolto: la sua confessione era stata estorta con la tortura. 
Arrestato quando aveva 18 anni, oggi ne ha 57. Ha vissuto periodi di carcere alternati a momenti di semilibertà fino alla condanna definitiva che lo ha rinchiuso in prigione per 22 anni ininterrottamente.

Ingiusta condanna e perde tutto

Cinque mesi di carcere, sette mesi di arresti domiciliari con l’accusa di aver fatto da basista in due rapine avvenute presso l’ufficio postale presso cui lavorava. Prosciolto, Vittorio Raffaele Gallo ha perso tutto: licenziato dalle Poste, la moglie gli ha cambiato la serratura di casa, è stato costretto a vivere alla Caritas, ha fatto lavoretti umilissimi e durissimi per mantenersi, ha problemi di salute enormi, vive di micro pensione sociale.

Poteva fare una vita diversa se la giustizia fosse stata più attenta.

Leggi qui http://www.errorigiudiziari.com/?vittime=arrestato-per-rapina-prosciolto-dopo-13-anni

domenica 8 gennaio 2017

Quando la "giustizia" italiana usata per gli amici, come...

Cosa permette di abusare della giustizia a chi può metterci le mani?
Il fatto che queste persone invece di essere punite vengano promosse.
Quindi abbiamo alcune persone che dovrebbero dare l'esempio del rispetto della legge che della stessa possono abusare per accontentare amici a danno di altri in cambio di qualcosa di preciso.
Un esempio: venne da me una persona e mi disse:
"Hai saputo cosa ha avuto il collega "Pinco Pallo" in cambio del servizietto che ti ha fatto?"
Ebbene ho poi saputo come fu "pagato" questo personaggio poi promosso. Chiaramente quel "pagamento" deve essere verificato poiché a me è stato riferito da più persone e non visto materialmente.

Questo per dire come vengono svolte le indagini. Credo ora sia chiaro il motivo per cui venni costretta a sottrarmi a quelle azioni dovendo cambiare residenza per alcuni anni finché questo personaggio non è stato allontanato, un cambio di residenza con tutti i disagi e danni che ne sono derivati sulla mia vita. Trasferire la mia residenza in un posto dove non vivevo provoca problemi di notifiche, problemi che saranno imputabili a chi me li ha provocato e che dovrà rispondere nelle sedi competenti al momento in cui qualche ente mi presenterà dei reclami o conti. Se per anni sono stata privata di poter essere legittimamente rintracciata a rispondere sarà chi questo movimento documentato lo ha provocato.

Ecco cosa è diventato per alcuni fare indagini "tarocche" aiutare amici di amici in cambio di qualcosa . Ottimo esempio per tutti i cittadini. Così si rispetta la legge?

Aiutare amici di amici in concertino con altri personaggi investiti di potere. Uno dei 3 ha continuato nel tempo su altre vicende. Ecco il motivo per cui ho fatto un fascicolo in cui ho raccolto tutte le carte apparentemente scollegate seguire dagli stessi nominativi ed il metodo utilizzato.

Il problema è semplice da risolvere: se la corruzione e'vietata e perseguita dalla legge, non solo per alcuni, va punita, quale che sia la forma utilizzata.

Quando si svolge un compito in un modo irregolare, pur facendolo passare a posteriori per comune errore, e ciò avviene in cambio di qualcosa come un posto di lavoro per un famigliare, ha un solo nome ed è corruzione. A cui va aggiunto abuso d'ufficio e omissione atti d'ufficio. A seconda del caso trattato. Finché queste persone piuttosto che venire perseguire, vengono coperte, il futuro del paese sarà in mano a quello che abbiamo visto con mafia capitale le cui persone prese e condannate con molta leggerezza rispetto a condanne di reati lievi persino mai compiuti ed in alcuni casi con false accuse,  che hanno visto condanne pesanti o carcerazioni ai danni di innocenti senza alcun risarcimento.

Uno stato che non vuole far cessare la corruzione non la combatte.