martedì 17 gennaio 2017

Ingiusta condanna e perde tutto

Cinque mesi di carcere, sette mesi di arresti domiciliari con l’accusa di aver fatto da basista in due rapine avvenute presso l’ufficio postale presso cui lavorava. Prosciolto, Vittorio Raffaele Gallo ha perso tutto: licenziato dalle Poste, la moglie gli ha cambiato la serratura di casa, è stato costretto a vivere alla Caritas, ha fatto lavoretti umilissimi e durissimi per mantenersi, ha problemi di salute enormi, vive di micro pensione sociale.

Poteva fare una vita diversa se la giustizia fosse stata più attenta.

Leggi qui http://www.errorigiudiziari.com/?vittime=arrestato-per-rapina-prosciolto-dopo-13-anni

Nessun commento: