martedì 2 aprile 2019

Sentenza di assoluzione

                                                                                                                                 N. xxxxx/xx Sent.

(nomi e cognomi sono di fantasia)

                                           TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA
                                           IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA 
                                                 SEZIONE XXXX PENALE

                                                   REPUBBLICA ITALIANA
                                            IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale di Roma, xxxx Sez penale, in persona del Giudice monocratico dott. xxxxxx, alla pubblica udienza del xx/xx/xxxx ha pronunciato e pubblicato mediante lettura del dispositivo, la seguente
                                                                  SENTENZA
nella causa penale di primo grado
                                                                   CONTRO
VERDI GIUSEPPE
difeso di fiducia dall'Avv. Xxxxx Xxxxx
                                                                                                                               Libero presente
                                                                  IMPUTATO
del reato di cui agli artt. 81 comma 1 e 336 cp. perché, nell'ambito di un medesimo contesto temporale di azione, profferendo all'indirizzo dell'assistente Ciccarello Paolettino, appartenente al Commissariato di PS Xxxxxxxx Xxxxx, al fine di impedirgli di compiere atti relativi ai doveri del suo ufficio, le seguenti frasi:
"adesso vi spiego come funziona, vi faccio trasferire d'ufficio perché siete incompetenti… chiamo il magistrato e vedete voi vi denuncio e poi vediamo", cosi facendo usava minaccia nei suoi confronti
In Roma, il xx xxxxxx xxxxx

                                                                 CONCLUSIONI
Pubblico Ministero: assoluzione perché il fatto non costituisce reato.
Difesa: assoluzione perché il fatto non sussiste, ovvero applicazione art. 393 bis cp. ed assoluzione perché il fatto non costituisce reato.

                                                    SVOLGIMENTO DEL PROCESSO




Con decreto ritualmente notificato VERDI GIUSEPPE è stato tratto in giudizio davanti a questo Giudice per rispondere del reato ascrittogli in epigrafe.
Al dibattimento, è stata acquisita la documentazione prodotta, meglio indicata a verbale, e si è proceduto all'esame dell'assistente capo di PS Ciccarello Paolettino, dell'imputato e della sig.ra Marica Livotti.
All'esito della discussione, il Pubblico Ministero e la Difesa hanno formulato le conclusioni trascritte a verbale.
Le prove acquisite conducono ad un giudizio di assoluzione dell'imputato dal reato lui ascritto per insussistenza del fatto.


(…..)

Sulla scorta delle esposte risultanze, si ritiene di dover pervenire ad un giudizio di assoluzione per insussistenza del fatto.
E' bene premettere che la frase "vi faccio trasferire d'ufficio" riveste astrattamente gli estremi di minaccia, ma non è emersa piena prova che il Verdi l'abbia rivolta ai pubblici ufficiali, essendo stata riferita dall'assistente Ciccarello, negata dall'imputato ed esclusa dalla sig.ra Marika Livotti.

Ad ogni buon conto, a prescindere dalla valutazione sull'attendibilità delle rispettive ricostruzioni, è certo che i pubblici ufficiali si recarono presso il luogo dove era il sig. Verdi per un controllo e non costatarono violazioni di alcun tipo alle prescrizioni imposte, sicché nessun ulteriore atto d'ufficio avrebbero dovuto compiere.

L'assenza tra il nesso tra l'eventuale minaccia e l'atto da compiere non consente dunque di ritenere integrato il reato contestato, che ha la finalità di tutelare la libera formazione della volontà del pubblico ufficiale, proprio perché non vi erano ulteriori atti da compiere, essendo stata constatata la presenza del Verdi.

Ove pure volesse riqualificarsi il fatto sub art. 612 cp in relazione all'espressione "vi faccio trasferire d'ufficio", certamente essa non integrerebbe l'ipotesi grave di cui al secondo comma, tenuto conto dell'obiettivo tenore della stessa e della pronuncia delle parole da parte di un soggetto che non avrebbe avuto potere di far trasferire nessuno; il reato sarebbe dunque perseguibile a querela di parte, nella specie non presentata, avendo l'operante riferito di essersi limitato a redigete un'annotazione di servizio.

Si aggiunga che le espressioni pronunciate dal Verdi all'indirizzo degli operanti appaiono piuttosto una manifestazione di sfogo per le incomprensioni sorte in merito alla natura delle prescrizioni da osservare, cui certamente l'imputato intese attenersi ove si consideri che si recò alla ASL per ritirare i risultati delle analisi e che per ben 12 volte contattò telefonicamente il personale del Commissariato - che nemmeno lo cercava - allo scopo di comunicare il suo rientro.
Alle esposte considerazioni segue l'assoluzione dell'imputato dal reato a lui ascritto con la formula di cui al dispositivo.
                                                                           PQM


visto l'art. 530 cpp.,
assolve VERDI GIUSEPPE dal reato a lui ascritto perché il fatto non sussiste.
Roma xx/xx/xxxx

                                                                                                                                          Il giudice